Home»Breaking News»Siracusa verso più eventi e turismo: istituzioni e operatori locali riuniti per progettare insieme

Siracusa verso più eventi e turismo: istituzioni e operatori locali riuniti per progettare insieme

0
Shares
Pinterest Google+

Si è tenuta lo scorso 25 Maggio 2015 presso la Camera di Commercio di Siracusa la settima tappa del Sicily Happy Talk, l’evento itinerante, organizzato dal Sicilia Convention Bureau e condiviso dalla Regione Sicilia, che in dieci tappe toccherà la Sicilia per favorire l’incontro e il dialogo tra operatori turistici-congressuali e istituzioni locali, dall’entroterra ennese alle Isole Eolie.

L’analisi del movimento turistico della destinazione siracusana e la presentazione dei dati dell’osservatorio congressuale SCB 2014 sono stati il cuore del dibattito tra i partecipanti, tra i quali una rappresentanza di studenti dell’Istituto Alberghiero di Siracusa. La costante crescita, seppur contenuta, dei flussi siracusani nel 2014 rispetto all’anno precedente (+3.3% degli arrivi e +6.6% delle presenze turistiche) a fronte della presenza di attrattori turistici molteplici sia sul fronte infrastrutturale che su quello ricreativo, naturalistico e culturale ha suscitato nella platea una riflessione comune verso le possibili strade percorribili per valorizzare la turisticità della destinazione, pur sempre in linea con i valori medi delle province siciliane.

Apertura al confronto tra attori pubblici e privati e predisposizione alla proattività dimostrata dai rappresentanti delle istituzioni locali intervenuti in sala. Varie le opportunità all’orizzonte per Siracusa, come emerso dalle parole del Vice Sindaco di Siracusa, Francesco Italia: “Presto il Teatro Comunale di Siracusa e il Teatro Verga riapriranno. Un asso in più per rafforzare l’offerta turistico-congressuale della destinazione che potrà così, grazie ai locali del Teatro Verga presto nuovamente accessibili,  candidarsi ad ospitare un crescente numero di eventi e meeting, diversificando il target di domanda della provincia e aiutando a destagionalizzarla”. Il congressuale come strategia di sviluppo della destinazione, quindi, in linea con quanto auspicato dal convention bureau, promotore dell’iniziativa. Così ha commentato Vincenzo Tumminello, Presidente del Sicilia Convention Bureau: “Nel corso delle tappe già concluse Il Sicily Happy Talk ha sviscerato una sensibilità verso il tema della valorizzazione turistica della Sicilia da parte degli operatori locali. Siracusa oggi conferma tra i desiderata dei suoi attori la voglia di un rilancio di una destinazione dalle grandi potenzialità. Meno individualismo e più sistema favoriranno lo sviluppo, che passa anche attraverso un potenziamento dell’offerta MICE. Noi siamo pronti a sostenere la filiera per lo sviluppo del turismo, non solo congressuale”.

La lettura dei dati della destinazione ha creato l’humus per un confronto aperto e costruttivo. Non indifferente il contributo della Dirigente al Servizio Turistico Regionale, Ivana Taschetta, che ha dichiarato: “È sulla raccolta e analisi dei dati che si regge lo sviluppo di nuove strategie per la valorizzazione della destinazione. I nuovi strumenti messi a disposizione della Regione per la rilevazione dei dati sono un’opportunità che gli operatori sono chiamati a cogliere per migliorare il processo. I primi sei mesi del 2015 già rilevati restituiscono un quadro positivo, con un trend in crescita per Siracusa, soprattutto per il comparto extra-alberghiero”.

Lusinghieri i dati diffusi, infine, da Sebastiano Bongiovanni, Presidente di Siracusa Turismo, circa la risposta del web verso il territorio: “Il marketing della destinazione funziona e online gli utenti ci seguono e interagiscono giornalmente con il nostro portale e i social network, segno che la comunicazione web è un canale imprescindibile per attrarre e fidelizzare domanda turistica. Continueremo il lavoro di promozione finora fatto e la collaborazione con il convention bureau ci darà certamente un supporto per raggiungere gli obiettivi di sviluppo turistico che ci siamo posti”.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *