Home»Mondo MICE»Eventi»Phil Gonzalez, fondatore degli Instagramers: ‘Visita la Sicilia ed una parte del tuo cuore rimarrà lì per sempre’

Phil Gonzalez, fondatore degli Instagramers: ‘Visita la Sicilia ed una parte del tuo cuore rimarrà lì per sempre’

3
Shares
Pinterest Google+

La Sicilia ha avuto il privilegio di ospitare la V Assemblea Nazionale IgersItalia (29 Settembre-1 Ottobre) al Four Points by Sheraton Hotel in Catania. Oltre 150 Instagramers sono venuti per conoscere Catania, l’Etna e Siracusa per godersi un’esperienza immersiva nelle tradizioni locali, i sapori, i colori e le persone siciliane. L’evento, organizzato dalla community siciliana IgersSicilia, supportato da Sicilia Convention Bureau, con il patrocinio oneroso della Regione Sicilia ed il supporto economico o tecnico di altri partner siciliani o nazionali (AtaHotel e Una Hotel Palace, Etna Finder, Di Bella Viaggi, Ortea Palace Luxury Hotel, Averna, Stecco Natura, BS Gioielli, Ferrarelle, Tomarchio Bibite, Nonna Vincenza), può essere assolutamente definito ‘un grande successo’.  Un’esplosione di scatti che ha riempito i profili Facebook e Instagram di oltre 150 appassionati di mobile photography ritraendo angoli siciliani, gastronomia locale, sfumature naturali e la magnificenza dell’Etna, il vulcano attivo più alto d’Europa.

Oltre 1395 scatti postati con hashtag #AssembleaIgersItalia2017; oltre 506.000 likes e 23.000 commenti; 13.540.000 di impressions e oltre 290 account IG nazionali coinvolti; una grande esposizione per la Sicilia sia su Instagram che sul web in generale.

Ilaria Barbotti, Presidente IgersItalia, ha detto: “Altissimo livello: non abbiamo mai partecipato ad un’Assemblea così bella. Bellissimi tour e tutta l’organizzazione è stata fantastica”. E Phil Gonzalez? Il fondatore di Instagramers.com, La community mondiale degli IGers, ha partecipato all’evento ed è venuto in Sicilia per la prima volta in questa occasione. Lo abbiamo intervistato per ricevere i suoi feedback.

È stata la tua prima volta in Sicilia. Da un punto di vista professionale (come esperto nel visual storytelling) e personale, qual è stata la tua prima impressione e quale l’ultima prima di andartene?

Phil: La prima è stata di sentirmi come a casa. Mi sento veramente a casa quando visito l’Italia dato che comprendo l’Italiano abbastanza bene. Non sono stato fortunatissimo con il meteo perché ho trovato un temporale al mio arrivo in aeroporto, ma le nubi sono andate via, regalandomi un bellissimo tramonto su Catania. Ho postato questa foto su Instagram 🙂 La mia ultima sensazione è stata di nostalgia e rimpianto per non aver potuto visitare altre città siciliane. Quindi, devo ritornare!

Dopo tre giorni tra Catania, l’Etna, e Siracusa come descriveresti la Sicilia Orientale e quali punti di forza elencheresti?

Phil: Ho amato l’atmosfera e lo stile di vita. Le persone sono sorridenti ed ospitali. Il paesaggio mi ricorda moltissimo le terre della mia famiglia di origine in Spagna, eccetto per il vulcano, decisamente unico! Speravo di poter godere dell’Etna con un cielo sereno, ma purtroppo era nuvoloso. Nonostante ciò, esperienza fantastica.

Se dovessi valutare il livello del servizio offerto dai fornitori locali che hanno lavorato all’evento, dalla venue alle guide, che voto daresti da 1 a 10 e perché?

Phil: Nel nostro soggiorno il servizio è stato fantastico ed abbiamo avuto un’ottima esperienza anche in termini di location. Dall’Hotel ai ristoranti e negozi visitati, le persone sono state molto carine con noi. Darei un 9. 

Ritieni che la Sicilia sia sovrastimata o sottostimata a livello internazionale?

Phil: Penso sia difficile valutare una destinazione in pochi giorni, ma sono rimasto sorpreso dal livello di cura e manutenzione dei monumenti storici e il patrimonio artistico delle città siciliane visitate. La storia della Sicilia è così incredibile che non puoi che rimanere colpito da tutte le cose che sono accadute lì. L’isola è più grande di quanto pensassi e le infrastrutture sono ben tenute.

Un motivo per ritornare: la cucina, il paesaggio naturale, le persone, o cos’altro?

Phil: Penso che ritornerò per un giro in tutta la Sicilia in auto. Mi è piaciuto molto guidare la macchina in Sicilia e vorrei tanto riprovare senza stress e limiti di tempo, così da prendermi 2 settimane e godermela da solo con la mia fotocamera. Ho visto molte foto di altre città siciliane su Instagram e devo assolutamente visitarle.

La cosa più divertente accaduta a te o alle persone con le quali hai condiviso l’esperienza siciliana, qual è, ce la racconti?

Phil: Abbiamo trascorso una bellissima giornata a Taormina. Stavamo scattando foto a persone e oggetti curiosi per i vicoli della città. Mi è venuto alla mente il film francese ‘Il grande Blu’, girato a Taormina e sono rimasto sorpreso dal fatto che fosse più grande di quanto pensassi. Un altro momento per me simpatico è stato in occasione della nostra visita al Bar Turrisi a Castelmola. È curioso pensare che un ristorante così piccolo sia la maggior attrazione del posto, ma dopo che lo visiti capisci perché e la cosa ti diverte. Non abbiamo potuto pranzare lì, ma ci è stato detto che è un posto ottimo per una cena. Il momento più tenero è stato quando un uomo anziano mi si è avvicinato e mi ha chiesto “Cosa stai facendo con il tuo telefonino che scatti foto ad una pozzanghera?’. Gli ho mostrato l’immagine di un palazzo riflesso nella pozza e lui è rimasto di stucco, esclamando ‘wow’ e ‘complimenti!’.

Il miglior soggetto per uno scatto in Sicilia?

Phil: Il paesaggio ed il contrasto con il cielo e le nuvole.

Il miglior commento ad una foto nel tuo profilo che racconta la Sicilia?

Phil: Visita la Sicilia ed una parte del tuo cuore rimarrà lì per sempre!

Grazie a Phil Gonzalez per l’intervista.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *