Home»Mondo MICE»Missione Georgia, l’avventura di Siracusa alla conquista del WFTGA 2021

Missione Georgia, l’avventura di Siracusa alla conquista del WFTGA 2021

2
Shares
Pinterest Google+

Tbilisi è stata da poco scenario della 18esima edizione della Conferenza della World Federation of Tourist Guides Association (WFTGA). Dal 20 al 25 gennaio le guide turistiche provenienti da tutto il mondo si sono riunite nella capitale della Georgia per partecipare a workshop, conferenze, dibattiti su tematiche che accomunano la professione a livello internazionale. Come è ormai tradizione, al centro della fitta agenda di lavori vi è stata anche la scelta della destinazione per il convegno del 2021.
Italia, con la Sicilia; Serbia; Portogallo e Filippine: quattro destinazioni in competizione per aggiudicarsi il progetto per l’evento internazionale; quattro realtà molto diverse, culturalmente e geograficamente, ma tutte con una forte identità da presentare alla platea degli operatori turistici internazionali. Un’occasione stimolante per presentare la Sicilia, meta scelta per la candidatura italiana, ad un pubblico eterogeneo ed esigente. Un’opportunità che è stata colta al meglio dal team di progetto.

Dichiara Patrizia Pasolini, Symposia srl: “Quando abbiamo appreso del bid per l’edizione 2021 della conferenza mondiale delle guide turistiche WFGTA, e ci siamo resi conto che l’evento non si era mai tenuto in Italia, ci siamo detti che era venuto il momento di rimediare a questa mancanza e che portare questa conferenza in Italia sarebbe stata l’occasione giusta per presentare ad una audience qualificata di guide l’enorme patrimonio culturale del nostro Paese” – e conclude – “Ci occupiamo con successo da anni di predisporre e presentare candidature per portare grandi conferenze internazionali in Italia. Questa era l’occasione per lavorare con successo ed in sinergia con i colleghi siciliani”.
Una sinergia preziosa quella attivata da Symposia, infatti. ANGT, Associazione Nazionale delle Guide Turistiche, AGTS, Associazione delle Guide Turistiche di Siracusa, il Comune di Siracusa ed il Sicilia Convention Bureau, queste le realtà coinvolte nel progetto di candidatura che dall’Italia fino alla Georgia hanno sostenuto la destinazione perché potesse aggiudicarsi il prestigioso evento.

Afferma Carlo Castello, Presidente della AGTS e Tesoriere ANGT: “Quando nel giugno del 2018 mi chiesero se la Sicilia e, di conseguenza, la mia città Siracusa fossero disponibili a organizzare il convegno mondiale delle guide turistiche nel Gennaio del 21’ non ebbi neanche un attimo di esitazione e dissi subito di si. Anche perché Siracusa non era nuova a questi eventi, aveva già organizzato nel 91’ quello nazionale e nel 2004 quello europeo, quindi pensai che, se avessimo vinto, Siracusa sarebbe diventata la sola città al mondo ad averli organizzati tutti e tre” – e conclude – “E’ stata un’avventura stimolante, avvincente, che ha portato diversi protagonisti ad “accarezzare” un sogno che contiamo al più presto di tradurre in realtà. Ringrazio tutti per la preziosa collaborazione ed in particolare la mia collega Lucia Iacono, la quale si è confermata una validissima scelta per la passione e la competenza con cui ha presentato Siracusa e il suo territorio”.

Replica Lucia Iacono, AGTS: “La convention di WFTGA a Tbilisi quest’anno resterà memorabile, anche se non siamo tornati a casa con la vittoria in mano. Personalmente torno a casa con la consapevolezza, da guida turistica, di essere ambasciatori culturali del mondo e nel mondo, e la conferma di quanto sia importante il lavoro di squadra, in sinergia, tra pubblico e privato“.

Valido supporto è stato individuato nel Sicilia Convention Bureau che, nella persona di Daniela Marino, coadiuvata nell’operativo da Gabriella Minissale, responsabile progetti e candidature, ha aiutato l’agenzia italiana a costruire una candidatura efficace. Commenta Daniela Marino, Direttore Operativo del Bureau: “Essere stati interpellati da Symposia, con la quale collaboriamo positivamente da anni, ci ha fatto molto piacere, ancor più alla luce dell’ottima sinergia sviluppata con tutti gli operatori coinvolti nel progetto. La Sicilia con Siracusa, ignota ai più tra i presenti, ha conquistato il pubblico dimostrandosi una destinazione multiculturale, accogliente, in grado di offrire un programma variegato di attività e un ventaglio di attrazioni d’impatto. Siamo certi che il futuro offrirà alla destinazione il meritato riconoscimento internazionale e daremo il massimo a supporto del Comune e delle Associazioni coinvolte per presentare al meglio il nostro territorio”.

La città di Siracusa, a partire dal Sindaco Francesco Italia, per passare all’associazione degli albergatori locali, a Confindustria e Confcommercio ed alle altre realtà produttive ed associative locali, ha risposto con la generosità che contraddistingue la Sicilia ed i siciliani. Francesco Italia sull’esperienza a Tbilisi: “Un’esperienza coinvolgente ed entusiasmante, vissuta con l’orgoglio di rappresentare l’Italia e un territorio dalle straordinarie opportunità ancora da scoprire“.
Anche la Regione Sicilia, i Comuni di Noto e di Ferla ed il Consorzio della Valle dei Templi hanno messo a disposizione il loro supporto, a dimostrazione di come la coralità in un progetto è elemento essenziale per l’efficacia del risultato.
Sebbene, infatti, sia stata la Serbia ad aggiudicarsi la vittoria per l’edizione 2021 dell’evento, la seconda posizione raggiunta da Siracusa e l’entusiasmo letto nei volti del pubblico in ascolto è la dimostrazione che la Sicilia – e l’Italia in generale – è riuscita nell’intento di lasciare un segno indelebile in vista di una futura scelta quale destinazione ospitante una prossima edizione del convegno.

Se il 2021 andrà a Novi Sad, già candidatasi in precedenza per lo stesso evento, i prossimi anni si spera potranno premiare la Sicilia. La presentazione a cura di Andrea Ogunbisi, in rappresentanza di ANGT, di Lucia Iacono per AGTS, di Daniela Marino come Sicilia Convention Bureau e infine dello stesso Sindaco di Siracusa, che si è reso disponibile per concludere l’intervento a Tbilisi in occasione dell’edizione 2019 di WFGTA, è stata a dir poco sfavillante e lascia ben sperare su un possibile successo futuro.
Diverse aziende siciliane, dai maestri pupari, ai fornitori di prodotti locali e di servizi turistici, hanno collaborato offrendo importanti sponsorizzazioni a beneficio della candidatura, segno di un lodevole impegno profuso dagli operatori siciliani per il territorio. Tra questi il gioielliere Carlo Izzo, che ha regalato 50 monetine d’argento raffiguranti la testa di Aretusa, quale omaggio per i delegati degli oltre 42 Paesi presenti alla manifestazione.
Conclude Patrizia Pasolini, Symposia: “Siamo pronti a ricandidarci per la prossima edizione del 2023 e siamo convinti che, se la prossima volta Siracusa verrà premiata, l’edizione italiana resterà memorabile nella storia di WFGTA”.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *