Home»Eventi Sicilia»Enoturismo in Sicilia: numeri positivi per l’International Wine Tourism Conference 2017

Enoturismo in Sicilia: numeri positivi per l’International Wine Tourism Conference 2017

2
Shares
Pinterest Google+

Cavalcando l’onda della crescita, si è concluso con successo il 9° Convegno Internazionale, Esposizione e Workshop sull’Enoturismo (IWINETC 2017) che si è tenuto per la prima volta in Sicilia, presso il Grand Hotel Villa Itria di Viagrande (CT), dal 28 al 29 Marzo, con il supporto del Sicilia Convention Bureau ed Etna Wine Lab.

In cabina di regia, con la collaborazione della Regione Siciliana – Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo, è stata l’agenzia spagnola Wine Pleasures, guidata da Anthony Swift, che dopo la Catalogna ha scelto per la seconda volta l’Italia per il suo evento e, dopo l’Umbria, la scelta è caduta inevitabilmente sul vulcano. Tre giorni per promuovere l’enoturismo in Sicilia, in uno dei territori più affascinanti nel contesto mondiale e che da qualche anno è divenuto una delle zone di punta della produzione vitivinicola italiana: l’Etna. Quest’anno il trinomio ‘Conoscenza, Business & Networking’ è stato il tema dell’evento che ha riunito quasi 250 delegati provenienti da 32 diversi Paesi, con una rappresentanza significativa proveniente da mete enoturistiche di Italia, Spagna, USA e la stessa Sicilia. L’evento è proseguito poi il 30 Marzo mattina con i B2B tra 40 operatori siciliani e 47 rappresentanti di T.O. enoturistici, per poi lasciare spazio ai famtrip che hanno accompagnato i buyer esteri attraverso tre percorsi alla scoperta dei luoghi della Sicilia del Vino, tra l’Etna e Ragusa.

Il Workshop dell’Enoturismo con più di 800 appuntamenti fissati prima dell’inizio del IWINETC è risultato essere il momento clou di business dell’evento in aggiunta agli altri appuntamenti svoltisi nell’area espositiva contestualmente al programma del Convegno composto da 24 relazioni.
L’Industria dell’Enoturismo è chiaramente in crescita e con così tante regioni vitivinicole al mondo, che stanno investendo in maniera significativa in questo tipo di turismo, non per molto si potrà continuare a considerarla una piccola nicchia di mercato. Il futuro è luminoso per tutti coloro che hanno capito che l’enoturismo è un’opportunità di business sostenibile” dice Anthony Swift, il regista del IWINETC, che nelle interviste a cura di Globus Television ed EnoNews ha espresso pareri molto positivi sulla Sicilia.

Questa edizione ha visto una forte enfasi sugli eventi di networking. Serate trascorse a visitare produttori di vino dell’Etna come Tenute Mannino di Plachi, Benanti e Tornatore. Molte degustazioni di vino all’interno del programma sono state occasioni di scoperta di differenti mete di enoturismo e di vini di diversa provenienza: Franciacorta, Grecia, Georgia, Slovenia, Ungheria e dello stesso Etna nella Wine Grand Tasting condotta da Valeria Carastro e Giampiero Nadali.
44 Tour operator divisi in tre gruppi hanno scoperto nuove mete di enoturismo nell’Etna da Sud a Nord e nelle zone di Siracusa e Ragusa, attraverso un programma di visite presso la variegata offerta di esperienze enoturistiche proposta da cantine, strutture ricettive di fascia alta, agriturismi ed eventi culturali di Noto e Ragusa.

Una gallery fotografica per ricordare alcuni momenti dell’evento.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *